Il materiale audiovisivo

Dopo il Memoriale, la visita prosegue con la visione di una mostra fotografica sui campi di sterminio nazisti, allestita all’interno di un vagone  risalente all’inizio del secolo, donato dall’Associazione dei Deportati.

Questo carro merci del 1906, essendo stato probabilmente impiegato anche per il trasporto di truppe durante la Grande Guerra, è esposto agganciato ad un locomotiva a vapore costruita nel 1910.

Dopo essere passati davanti ad un monumento dedicato ai caduti di tutte le nazioni belligeranti, si viene introdotti in una carrozza cinebar del 1950, dove si assiste alla proiezione di filmati in bianco e nero realizzati magistralmente da Edo Ansaloni nell’ultimo anno di guerra.

Quest’interessante documento inedito mostra le immagini di un bombardamento compiuto su Bologna dai quadrimotori B24 Liberator americani, le cui lamiere luccicano al sole, mentre le loro bombe devastano l’Ospedale Maggiore. L’arrivo degli Alleati è documentato dall’ingresso delle avanguardie polacche in uniforme inglese che avanzano con circospezione, temendo di venire fatti oggetto del fuoco di qualche franco tiratore, lasciato indietro dai Tedeschi in ritirata. Mentre fanno la loro comparsa sulla scena le Jeep e i corazzati americani, seguiti dai Bersaglieri dei Gruppi di Combattimento italiani, la folla comincia a scendere in strada per acclamare i vincitori insieme ai Partigiani.